Nel mondo del digital marketing saper interpretare correttamente i report di Google Analytics 4 (GA4) è diventato più essenziale che mai.  

Ma come si può interpretare i dati nel modo giusto?  

Questo articolo, destinato a marketing manager, vi guiderà attraverso il labirinto dell’attribuzione dei canali in GA4, svelandovi come trasformare numeri e grafici in strategie vincenti

Panoramica dei principali canali in GA4 

GA4 ridefinisce l’analisi dei canali, permettendoti di vedere non solo da dove provengono i tuoi visitatori, ma anche come interagiscono con il tuo sito una volta arrivati. Ecco come interpretare correttamente i dati dei canali in GA4: 

Analisi dei percorsi utente: GA4 fornisce una visione dettagliata dei percorsi che gli utenti seguono, dall’ingresso all’azione finale. Questo permette di identificare quali canali portano non solo al maggior traffico, ma anche alle conversioni più qualificate. 

GA4 si concentra su eventi e utenti, influenzando la classificazione dei canali. Ecco un’occhiata ai principali canali di acquisizione in GA4:  

  • Direct (Diretto): visite dirette tramite URL, segnalibri o link non tracciati da altri domini. 
  • Organic Search (Ricerca Organica): traffico dai risultati di ricerca gratuiti su motori come Google, Bing, Yahoo, e altri.
  • Paid Search (Ricerca a Pagamento): visite da clic su annunci a pagamento sui motori di ricerca, come Google Ads. 
  • Display: visite da annunci display, come banner su altri siti web. 
  • Social (Social Network): traffico dai social media, organico o attraverso annunci su piattaforme come Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, ecc. 
  • Email: visite da campagne di email marketing, etichettate con parametri UTM. 
  • Referral: traffico che arriva al tuo sito da un altro sito web che non è un motore di ricerca. Questo include link da partner, blog, portali di settore, ecc. 
  • Affiliates (Affiliazione): traffico generato da programmi di affiliazione, dove i siti affiliati indirizzano traffico verso il tuo sito in cambio di una commissione su vendite o lead. 
  • Unassigned: questa categoria include il traffico che non rientra nelle categorie precedenti o che non è stato possibile classificare a causa di dati mancanti o non correttamente etichettati. 

GA4 permette anche la creazione di nuovi canali personalizzati tramite regole di assegnazione, adattando la segmentazione alle tue esigenze. Inoltre, offre analisi avanzate per esplorare il comportamento degli utenti e l’efficacia delle fonti di traffico in dettaglio. 

Analisi dei canali specifici  

 

Canale Organico: valutare l’efficacia del SEO e dei contenuti. 

Il canale organico riflette quanto bene le tue strategie di SEO e i tuoi contenuti si posizionano nei risultati di ricerca. Monitorando il traffico organico, puoi valutare l’efficacia delle tue parole chiave, titoli e meta descrizioni. Metriche importanti includono il tasso di clic (CTR), il tempo trascorso sul sito e le conversioni, che ti aiutano a capire quali contenuti e strategie SEO funzionano meglio. 

Canale a Pagamento: misurare il ROI delle campagne pubblicitarie. 

Il traffico a pagamento ti offre un quadro diretto del ritorno sull’investimento (ROI) delle tue campagne di digital advertising. Analizzando questo canale, puoi misurare il costo per acquisizione (CPA), il valore delle conversioni e il tasso di conversione. Questi dati ti consentono di ottimizzare le spese pubblicitarie e identificare le campagne più performanti. 

Canale Diretto: comprendere l’impatto della brand awareness. 

Il traffico diretto suggerisce la consapevolezza del tuo marchio. Un alto volume di traffico diretto indica che i clienti conoscono il tuo marchio abbastanza da visitare il tuo sito direttamente. Analizzando questo canale, puoi valutare l’impatto delle tue strategie di branding e la fedeltà dei clienti. Monitora l’engagement e le conversioni per ottenere informazioni sulla lealtà e il valore a lungo termine dei tuoi clienti. 

Canali Social: analizzare l’engagement e la conversione dai social media. 

Il traffico dai social media è cruciale per valutare l’engagement degli utenti e la capacità dei contenuti di generare conversioni. Analizzando questo canale, puoi misurare l’efficacia delle tue strategie di social media marketing, compresi post, contenuti e interazioni. Le metriche chiave includono il tasso di conversione, il tempo trascorso sul sito e il tasso di rimbalzo. Questi dati ti aiutano a comprendere quali piattaforme social generano il maggior valore e come influenzano il percorso dei clienti verso la conversione. 

Come funzionano le attribuzioni in Google Analytics 4    

In Google Analytics 4, l’attribuzione gioca un ruolo cruciale nel tracciare e valutare l’impatto delle diverse fonti di traffico sulle conversioni, come acquisti, iscrizioni o lead generation. GA4 offre una gamma di modelli di attribuzione per analizzare in modo approfondito come i visitatori interagiscono con il sito: 

Attribuzione User Scope (Primo Utente)

L’attribuzione user scope si concentra sul primo contatto di un utente con il sito, offrendo insight sulle fonti che hanno introdotto l’utente e il loro impatto sulle conversioni iniziali. Questa visione aiuta a valutare l’efficacia dei canali di acquisizione primari. 

Attribuzione Session Scope (Sessione)

L’attribuzione session scope analizza tutte le sessioni di un utente, tracciando come diverse fonti e mezzi influenzano il ritorno dell’utente sul sito. Questo modello offre una prospettiva completa sull’engagement dell’utente nel tempo, al di là della prima visita.

Attribuzione Event Scope (Evento)

Questo modello avanzato valuta i touchpoint specifici che hanno guidato l’utente verso la conversione, attribuendo il merito in modo dinamico in base all’influenza di ciascuna interazione. Offre insights dettagliati sui percorsi di conversione più efficaci. 

 

Extra tip: La fonte “Direct” viene sempre esclusa da qualsiasi modello di attribuzione.  Se una sessione inizia direttamente, senza passare da altre fonti, non viene analizzata nell’attribuzione. 

Cos’è l’attribuzione data-driven in GA4? 

L’Attribuzione Data-Driven in GA4 (Google Analytics 4) è un metodo avanzato che aiuta a capire meglio quale impatto hanno i diversi canali di marketing sulla decisione finale di un cliente di fare un acquisto o di compiere un’azione desiderata. A differenza di metodi più semplici, come assegnare tutto il merito all’ultimo clic fatto dall’utente prima di una conversione, l’attribuzione data-driven analizza tutti i passaggi che un cliente compie e utilizza l’intelligenza artificiale per determinare quanto ogni azione abbia contribuito al risultato finale.   

Questo significa che, invece di dare tutto il credito solo all’ultimo punto di contatto, GA4 distribuisce il merito in modo equo tra tutte le interazioni che hanno effettivamente aiutato a spingere il cliente verso l’acquisto. Questo modello è disponibile solo se hai abbastanza dati per il sistema da analizzare, rendendolo il più personalizzato e preciso per valutare l’efficacia dei tuoi sforzi di marketing. 

Vantaggi dell’Attribuzione Data-Driven 

  • Personalizzazione basata sui dati: poiché si basa su dati reali di performance, l’attribuzione data-driven si adatta dinamicamente alle specificità del tuo business e alle interazioni degli utenti, offrendo una visione più accurata dell’efficacia dei diversi canali. 
  • Ottimizzazione delle strategie di marketing: avendo un quadro chiaro di quali canali e interazioni influiscono di più sulle conversioni, puoi affinare le tue strategie di marketing. Ciò significa investire in modo più mirato e aumentare il ritorno sull’investimento. 
  • Riduzione della sovrapposizione tra canali: l’attribuzione data-driven distingue con precisione l’apporto di ogni canale, aiutandoti a capire meglio l’effettività delle diverse iniziative di marketing senza confonderle tra loro. 
  • Adattabilità e apprendimento continuo: grazie all’uso del machine learning, il modello si adatta e migliora continuamente con l’accumulo di nuovi dati, offrendo insight sempre più precisi e affidabili nel tempo. 

Perché i dati delle diverse piattaforme di marketing non coincidono? 

Ti sei mai chiesto perché i numeri mostrati dalle varie piattaforme di analisi e pubblicità non combaciano? Questa discrepanza, pur sembrando anomala, è in realtà molto comune. Vediamo alcune ragioni principali: 

  • Metodi di attribuzione diversi: ogni piattaforma attribuisce il merito alle conversioni in modo diverso. Mentre alcune danno priorità all’ultima interazione dell’utente (last-click), altre considerano la prima (first-click) o si basano su un’analisi temporale. Questo può portare a risultati differenti. 
  • Percorsi del cliente complessi: i clienti spesso interagiscono con molteplici campagne su diverse piattaforme prima di effettuare un’azione, come un acquisto. Questa molteplicità rende difficile stabilire quale piattaforma abbia avuto l’influenza decisiva. 
  • Finestre di attribuzione diverse: le piattaforme definiscono “finestre di attribuzione” di durate differenti (ad esempio, 7 o 30 giorni) per accreditare le conversioni. Questo significa che lo stesso evento può essere conteggiato in momenti diversi. 
  • Privacy e blocco dei cookie: con l’aumentare dell’attenzione verso la privacy e l’uso di tecnologie per bloccare la raccolta dati, come gli ad blocker, tracciare gli utenti è diventato più difficile. Ciò può incidere sulle metriche tracciate. 
  • Tracking tra dispositivi e browser: seguire gli utenti che cambiano dispositivo o browser senza un identificatore unico è complicato, portando a discrepanze nei dati raccolti da diverse piattaforme. 

Conclusioni

Nel contesto del digital marketing, l‘interpretazione accurata dei dati di attribuzione in GA4 è fondamentale per ottimizzare le strategie e massimizzare il ritorno sull’investimento. Capire come i diversi canali contribuiscono alle conversioni permette ai marketer di allocare le risorse in modo più efficace, migliorando le performance complessive. In conclusione, adottare un approccio data-driven, sfruttando i modelli di attribuzione avanzati offerti da GA4, non solo migliora l’efficienza delle campagne pubblicitarie ma anche guida verso decisioni strategiche più informate, aumentando la capacità di rispondere dinamicamente alle esigenze del mercato e alle preferenze degli utenti. 

Vorresti avere dei report chiari su come interpretare i canali su Google Analytics 4 e decifrare vedere in maniera chiara l’attribuzione di ciascun canale? Possiamo aiutarti noi! 

Nome Cognome

Sara Marcon

Data Analyst