Chi utilizza la versione premium di ChatGPT ha già potuto apprezzare la facilità con cui la piattaforma AI analizza e processa file complessi, trasformando operazioni manuali, spesso lunghe e tediose, in processi rapidi ed efficienti. 

È tuttavia cruciale sottolineare che, nonostante i progressi notevoli, la precisione, la minuziosità e, in particolare, l’interpretazione dei dati da parte dell’intelligenza artificiale non sono ancora del tutto paragonabili all’analisi umana, specialmente nel trattamento di dati qualitativi con grandi volumi. Abbiamo osservato che, persino utilizzando prompt dettagliati e mirati, emergono limiti nella gestione di file con volumi di dati consistenti. Questo aspetto evidenzia che, per certe attività, non possiamo ancora affidarci completamente all’AI. Ciò non toglie che l’utilizzo di ChatGPT come strumento di supporto rimane una risorsa preziosa: possiamo avvalerci delle sue capacità per ottenere suggerimenti e assistenza nelle nostre attività quotidiane. 

In questo contesto, unendo la dettagliata documentazione fornita da Google Ads a un prompt ben strutturato, possiamo sviluppare un assistente virtuale che ci supporti nel definire e affinare il targeting delle nostre campagne pubblicitarie. Il nostro obiettivo è quello di semplificare e rendere più efficace il processo di identificazione dei segmenti di pubblico più adatti per le campagne dei nostri clienti o per le nostre attività commerciali. Attraverso questo articolo, esploreremo come sia possibile e relativamente semplice raggiungere questo risultato sfruttando un prompt chiaro e ben strutturato. 

Assistente Targeting Google Ads - Delex Digital

Targetizzazione, segmenti di pubblico e Consent Mode v2 

Prima di addentrarci nella creazione di questo assistente virtuale, è fondamentale dedicare un momento all’importanza della targetizzazione legata ai segmenti di pubblico, soprattutto nell’ottica di essere “cookieless ready”. Con l’introduzione della Consent Mode v2 ci stiamo avvicinando a una ulteriore rivoluzione nel mondo del digital advertising. Diventa quindi essenziale adottare nuove strategie, come l’utilizzo di dati di prima parte o il collocare l’utente in un contesto che vada oltre le sue abitudini principali, identificando quindi un approccio di targeting contestuale più ampio. 

Diventa quindi fondamentale identificare i segmenti di pubblico strettamente legati al business per il quale si pianificano le campagne pubblicitarie, così come riconoscere potenziali segmenti non direttamente collegati al business ma contestualmente rilevanti. Ad esempio, una persona interessata a servizi di arredamento interni potrebbe essere un target ideale per utenti interessati all’acquisto di una casa. In mancanza di dati di terze parti, questo è il futuro (molto prossimo) che ci aspetta. 

Documentazione e best-practice per sviluppare un assistente di targeting 

Vediamo ora come sviluppare, attraverso alcuni passaggi chiari e semplici, un assistente di targeting che possa facilitare la definizione dei segmenti di pubblico da sfruttare nelle nostre campagne Google Ads. Includeremo anche il prompt completo da utilizzare sulla piattaforma AI. 

La documentazione messa a disposizione dal supporto Google è estremamente completa e contiene molte pagine dedicate specificamente al targeting per le campagne. Questa documentazione non solo offre descrizioni dettagliate di tutte le tipologie di segmenti di pubblico, ma mette a disposizione anche dei file csv da scaricare che includono tutti i segmenti di pubblico in market, di affinità e relativi ai dati demografici dettagliati. Questi file elencano il nome del segmento di pubblico e la possibilità o meno di utilizzarlo sulle varie reti Google, come Display, Gmail, Discovery, Search, Shopping e Video.

Per rendere il processo ancora più semplice, ti offriamo un file Google Sheet, già predisposto e pronto per essere scaricato in formato Excel, che contiene tutti i segmenti di pubblico. 

Un’ulteriore precisazione riguarda l’uso della lingua. Per vari motivi, una delle best practice su Google Ads è quella utilizzare la piattaforma in lingua inglese. Tra questi, uno dei vantaggi più significativi è l’ampia varietà di segmenti di pubblico disponibili. I file scaricabili, inclusi quelli presenti nella documentazione in italiano, contengono solo segmenti in lingua inglese. Questo aspetto è importante da considerare nella selezione e nell’analisi dei segmenti di pubblico per le tue campagne. 

Assistente Targeting Google Ads - Delex Digital

Guida passo-passo per sviluppare un assistente di targeting

Come prima cosa scarica il file Google Sheet, già predisposto da Delex Digital e pronto per essere scaricato in formato Excel, che contiene tutti i segmenti di pubblico. 

Una volta scaricato il file da dare in pasto alla piattaforma, il passo successivo è quello creare di un Prompt che rispetti le linee guida di Chat GPT. In pratica, ciò che ci si propone di fare è sviluppare un prompt il più completo possibile, che ci permetta di effettuare un semplice copia-incolla fornendo alla piattaforma unicamente le informazioni sull’attività per cui si ha intenzione di impostare le campagne e ricevere in automatico il file pronto all’uso. Sempre per la questione del contextual targeting, chiederemo a chat gpt di fornirci un file con due fogli, uno con i segmenti di pubblico strettamente in target e uno più ampio. Prendendo come esempio un’agenzia immobiliare, le uniche informazioni da fornire alla piattaforma saranno, di conseguenza:  

Nome della tua attività [facoltativo] 

Settore Cliente: mercato immobiliare 

Breve Descrizione Cliente: si tratta di una classica agenzia immobiliare che si occupa di vendita di case, appartamenti e locali commerciali. 

Descrizione obiettivo della campagna / e: l’obiettivo delle campagne sulla piattaforma di Google Ads è quello di intercettare lead interessate all’acquisto di una casa o di trovare una casa in affitto. 

Indicazioni pubblico target ristretto: includi segmenti di pubblico strettamente interessati all’acquisto di una casa o a trovare una casa in affitto. 

Indicazioni pubblico target ampio: includi segmenti di pubblico potenzialmente interessati all’acquisto di una casa o di trovare una casa in affitto (arredamento di interni, servizi di tinteggiatura ecc) 

Altro [inserisci altre informazioni che ritieni utili] 

Come già menzionato, più il prompt sarà dettagliato e completo, minore sarà la necessità di interagire e affinare i dettagli con GPT.  

Al momento, le informazioni specifiche relative alle campagne pMax e Demand Gen non sono ancora del tutto chiare. Per questo motivo, ho deciso di escluderle temporaneamente. Tuttavia, è importante ricordare che i segmenti di pubblico rimangono gli stessi e possono quindi fornire utili spunti anche per queste due tipologie di campagne. 

Come ampiamente sottolineato in precedenza, Chat GPT non possiede le capacità analitiche e di contestualizzazione di un professionista del settore. Pertanto, il file restituito da OpenAI potrebbe non essere completo e potrebbe contenere errori. È essenziale quindi considerarlo come un punto di partenza, un esempio o uno spunto per identificare i segmenti di pubblico più adeguati per le nostre campagne. 

Il Prompt da utilizzare su Chat GPT 

Agisci come digital advertising specialist specializzato in Google Ads. Oltre ad essere un digital advertising specialist professionista, sei anche molto esperto nell’utilizzo di programmi di calcolo come Excel e hai una particolare propensione all’analisi dei dati. 

Le informazioni riguardanti l’attività per cui dovrai impostare le campagne sono le seguenti: 

Nome della tua attività [facoltativo] 

Settore Business 

Breve Descrizione Business 

Descrizione obiettivo della campagna / e  

Indicazioni pubblico target ristretto 

Indicazioni pubblico target ampio 

Altro [inserisci altre informazioni che ritieni utili] 

Devi impostare una strategia su Google Ads basata sui segmenti di pubblico. Devi quindi individuare quali sono i segmenti di pubblico che puoi sfruttare sulle tue campagne di Google Ads sia in ottica di target che di osservazione. 

Il file fornito “Delex_Digital_segmenti_g_ads_all” include tutti i segmenti di pubblico in market, di affinità e dati demografici dettagliati presenti su Google Ads. Il file è in lingua inglese ed è così impostato:  

  • Colonna A: Il tipo di segmento (Segment Type): In-Market, Dettagli Demografici e Affinità 
  • Colonna B: Il nome del segmento  (Segment name) 
  • Colonna C:  Se il Segmento (segment name) specifico è utilizzabile sulla Rete Display. Yes: è utilizzabile. No: non è utilizzabile 
  • Colonna D:  Se il Segmento (segment name) specifico è utilizzabile sulla Rete Gmail. Yes: è utilizzabile. No: non è utilizzabile 
  • Colonna E:  Se il Segmento (segment name) specifico è utilizzabile sulla Rete Discovery. Yes: è utilizzabile. No: non è utilizzabile 
  • Colonna F:  Se il Segmento (segment name) specifico è utilizzabile sulla Rete Search. Yes: è utilizzabile. No: non è utilizzabile 
  • Colonna G:  Se il Segmento (segment name) specifico è utilizzabile sulla Rete Shopping. Yes: è utilizzabile. No: non è utilizzabile 
  • Colonna H:  Se il Segmento (segment name) specifico è utilizzabile sulla Rete Video. Yes: è utilizzabile. No: non è utilizzabile

Crea un nuovo file Excel da scaricare che includa tutti i segmenti di pubblico che ritieni possano essere riconducibili al cliente, in base a:

  • Le informazioni fornite all’inizio del prompt.
  • Le informazioni precedentemente fornite con “Indicazioni pubblico target ristretto”  e “Indicazioni pubblico target ampio”

Fornisci un file con due fogli, rispettivamente contenenti: 

Selected_Segments: includi solo i segmenti che consideri affini al cliente secondo le “Indicazioni pubblico target ristretto”  

Broad_Segments: includi solo i segmenti che consideri affini al cliente secondo le “Indicazioni pubblico target ampio  

Il file dovrà essere così strutturato: 

Colonna A: Il tipo di segmento (Segment Type): In-Market, Dettagli Demografici e Affinità 

Colonna B: Segment Name (includi tutti Segment Name del file fornito che consideri in target con il cliente) 

COLONNA B: Display (in base a quanto riportato sul file Delex_Digital_segmenti_g_ads_all  contrassegna con YES o NO in base al fatto se quel determinato Segment Name può essere impostato sulla rete Display di Google Ads) 

COLONNA C: Search (in base a quanto riportato sul file Delex_Digital_segmenti_g_ads_all  contrassegna con YES o NO in base al fatto se quel determinato Segment Name può essere impostato sulla rete Search di Google Ads) 

COLONNA D: Video (in base a quanto riportato sul file Delex_Digital_segmenti_g_ads_all  contrassegna con YES o NO in base al fatto se quel determinato Segment Name può essere impostato sulla rete Video di Google Ads) 

COLONNA E: Shopping (in base a quanto riportato sul file Delex_Digital_segmenti_g_ads_all  contrassegna con YES o NO in base al fatto se quel determinato Segment Name può essere impostato sulla rete Shopping di Google Ads) 

COLONNA F: Discovery (in base a quanto riportato sul file Delex_Digital_segmenti_g_ads_all  contrassegna con YES o NO in base al fatto se quel determinato Segment Name può essere impostato sulla rete Discovery di Google Ads) 

COLONNA G: Gmail (in base a quanto riportato sul file Delex_Digital_segmenti_g_ads_all  contrassegna con YES o NO in base al fatto se quel determinato Segment Name può essere impostato sulla rete Gmail di Google Ads) 

Assistente Targeting Google Ads - Delex Digital

Il nostro assistente personale GPT di Delex Digital 

A tutti coloro che prediligono un approccio diretto e celere, offriamo un link per accedere e impiegare senza indugi il nostro assistente personale GPT, già predisposto e pronto per l’uso. Qui il LINK per sperimentare l’assistente di targeting, che si basa sul prompt fornito in precedenza. È utilizzabile in modo indipendente su Chat GPT, inserendo le informazioni specifiche del tuo business.

Nome Cognome

Andrea Bonn